Fare un regalo è un atto relazionale

coinvolge chi lo fa e chi lo riceve

Quando facciamo un regalo, lo scegliamo in base ai nostri gusti o a quelli di chi lo riceve? Gli errori più comuni da evitare. E qualche idea.

L’aspetto più importante che dovremmo tenere a mente quando scegliamo di fare un regalo è che stiamo compiendo un “atto relazionale”, ossia un atto che coinvolge due individui: noi che lo facciamo e la persona che lo riceve. È quindi importante innanzitutto considerare il rapporto che c’è tra noi e chi riceve il regalo: la scelta del regalo cambierà considerevolmente se chi lo riceve è un collega, un nostro caro amico, nostra madre o nostro padre, nostro figlio o nostro nipote (e così via).

Uno degli errori più comuni in cui potremmo incorrere sarebbe scegliere il regalo basandoci su ciò che piace a noi, senza considerare la persona che lo riceve. Ma dobbiamo stare attenti anche a non incorrere nell’errore opposto, ossia limitare la scelta esclusivamente alle caratteristiche della persona a cui il regalo è destinato. La cosa migliore è invece coniugare le due cose, attraverso una sintesi equilibrata tra ciò che piace all’altro e ciò che piace a noi. In fondo, fare un regalo significa donare un po’ di noi stessi.

Anche per questo è importante distinguere il valore economico di un oggetto dal suo valore affettivo, e non è detto che un regalo molto costoso venga necessariamente apprezzato. Per esempio, a un bambino, invece di uno smartphone potremmo regalare un cd con dentro delle fiabe lette con la nostra voce. In questo modo, oltre al cd, gli regaleremmo la nostra vicinanza.

E se ci trovassimo a corto di idee? Non dimentichiamo che possiamo regalare una cosa molto preziosa: il tempo. La persona che riceve il regalo potrebbe assai gradire un determinato oggetto che desiderava fortemente, apprezzando il tempo che abbiamo dedicato per cercarlo e sentendosi (ri)conosciuta e capita – per esempio, un film introvabile per completare la collezione, un cibo a cui è affezionata perché le ricorda l’infanzia, una sciarpa che aveva visto ma che non è più riuscita a trovare.

Fare un regalo Che cosa significa fare un regalo? Come lo scegliamo?
Una nonna legge un libro insieme al nipotino È più importante il valore economico di un oggetto o il suo valore affettivo?
Fare un regalo è un atto relazionale: coinvolge chi lo fa e chi lo riceve di Nicola Nardelli (3 dicembre 2017)
è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere richiesti contattando l’autore
Licenza Creative Commons
­